Consigli per le vacanze: internet all’estero

Consigli per le vacanze: internet all’estero

Tempo di lettura: 2 minuti

 

Se siete in procinto di partire, magari per una meta fuori dall’italico stivale, probabilmente vi sarete già rassegnati all’idea di scroccare un pó di internet qua e la, collegandovi alle reti wi-fi libere (magari quelle del Burger King), oppure usando programmi tipo WPATester alla ricerca disperata di qualche router facilmente violabile.

Le tariffe per il roaming dati sono ridicole: 2 euro per 10 Mb al giorno, oppure 84,7 cent/Mb senza alcuna offerta (queste le tariffe di TIM). Costi decisamente alti, che fanno passare la voglia di mandare anche una misera e-mail.

Ma l’alternativa esiste: sottoscrivere un contratto ricaricabile con un operatore mobile locale. Ad esempio qui in Spagna ci sono diversi operatori: Movistar, Orange, Yoigo (credo si scriva cosí…) e Vodafone. Tralascio Vodafone perchè mi sta antipatica in Italia, figurarsi all’estero, e lascio perdere anche Movistar in quanto non offre buone tariffe sulle ricaricabili… anzi, non offre proprio le ricaricabili.

Restano Orange e Yoigo: quest’ultima è un pó la Tre del luogo: prezzi bassi, copertura pessima, mentre Orange per fortuna possiede una buona copertura e una tariffa per ricaricabili solo per Internet. Questa tariffa, chiamata Delfín costa 3,5 euro a settimana e include 100 Mb da utilizzare, con velocitá massima di 3,6 Mbps; una volta terminati i 100 Mb, la navigazione continua senza limiti alla velocitá ridotta di 128 kbps (circa 16 kb/sec), piú che sufficienti per e-mail, Google Maps (all’estero è davvero una mano santa), Facebook, postare sul blog e cosí via.

(altro…)

Ultimo update di il .

Pin It on Pinterest