Tempo di lettura: 2 minuti

Se non sapete cosa sia il rooting, non c’è alcun motivo per seguire questa guida: passate oltre. Se invece dovete eseguire il rooting sul vostro Galaxy Tab per un qualunque motivo (aggiornamento della ROM, utilizzo di programmi particolari e così via), allora siete nel posto giusto. Anche se non sapete cosa sia esattamente il Rooting, lo capirete leggendo con attenzione tutta la guida.

Intanto, la guida è dedicata al Samsung Galaxy Tab GT-P1000 Europeo, quello che di fabbrica è equipaggiato con Android 2.2 FroYo e che può utilizzare la rete HSDPA/GSM. Altre versioni, come il GT-P1010 (solo Wi-Fi) o la versione P1000L/N (Latino Americana) non devono essere modificate seguendo questa guida. Se avete queste versioni, è probabile che abbiate comprato il tablet da qualche oscuro mercante e forse vi hanno gabbato. Se potete, riportateglielo indietro e fatevi ridare i soldi. Il modello del vostro tablet lo potete individuare sul retro in basso, sotto il logo Samsung (model: GT-P1000).

Vi illustro le due procedure più semplici, una con il programma SuperOneClick 2.3.3 (che è compatibile con Windows, Mac e Linux) e l’altra con DooMLoRD Easy Rooting Toolkit v4, che è compatibile solamente con Windows (però a me fa ridere tantissimo, poi vi spiego perchè).

Sceglietene una qualsiasi, tanto il risultato è uguale!

 

Procedura 1 – SuperOneClick 2.3.3

Per eseguire il rooting vi serve:

  • il tablet (ma va?), versione GT-P1000 con Android 2.2 FroYo installato (lo vedete da Impostazioni, Informazioni dispositivo)
  • il software Samsung KIES installato sul vostro PC (scaricatelo dal sito Samsung)
  • il programma SuperOneClick 2.3.3 (scaricatelo da XDA Developers, oppure da Shortfuse.org)
Pronti? Iniziamo:
  • Installate il software Samsung KIES sul vostro PC; fatto ciò, collegate il tablet ed eseguite una sincronizzazione completa almeno una volta. Scollegate il tablet e chiudete KIES.
  • Sul tablet, andate in Impostazioni, Applicazioni, Sviluppo e selezionate “Attiva Debug USB”.
  • Collegate di nuovo il tablet al PC ma stavolta premete il tasto Home (la casetta) per uscire dalla modalità KIES sul dispositivo.
  • Lanciate il programma SuperOneClick.exe e cliccate il grande pulsate Root. Aspettate la fine della procedura, finchè non vi dice “OK”.

Procedura 2 – DooMLoRD’s Easy Rooting Toolkit v4 (ZergRush exploit)

Per eseguire il rooting vi serve:

  • il tablet in versione GT-P1000 con Android 2.2 FroYo bla bla bla (vedi sopra)
  • il software Samsung KIES installato sul vostro PC (scaricatelo dal sito Samsung)
  • DooMLoRD’s Easy Rooting Toolkit v4 (scaricatelo dal sito dello sviluppatore, QUI)
Pronti? E andiamo:
  • Installate il software Samsung KIES sul vostro PC; fatto ciò, collegate il tablet ed eseguite una sincronizzazione completa almeno una volta. Scollegate il tablet e chiudete KIES.
  • Sul tablet, andate in Impostazioni, Applicazioni, Sviluppo e selezionate “Attiva Debug USB”.
  • Sempre nel menu Impostazioni, Display, Spegnimento schermo selezionate “10 minuti”.
  • Per finire, in Impostazioni, Applicazioni selezionate “Sorgenti sconosciute”.
  • Collegate di nuovo il tablet al PC ma premete il tasto Home (la casetta) per uscire dalla modalità KIES sul dispositivo.
  • Scompattate lo zip del programma ed eseguite il file “runme.bat” (se usate Windows 7, cliccate con il tasto destro e scegliete “Esegui come amministratore”)
  • Leggete le istruzioni nella finestra che appare e premete i tasti che vi vengono indicati, e lasciate che gli Zerglings invadano il Galaxy e liberino l’utente Root!

Quest’ultima procedura mi fa ridere perchè a un certo punto lo script dice che sta “liberando gli Zerglings nel dispositivo”, e in effetti il Galaxy trema e vibra, come se degli animaletti stiano correndo come pazzi cercando un modo per liberare Root. Davvero LOL.

 

Comunque, minchiate a parte, ora avete liberato il grande Root: da grandi poteri derivano grandi responsabilità©, quindi fate attenzione a ciò che fate!

 Le operazioni descritte in questa pagina potrebbero invalidare la garanzia del proprio dispositivo; inoltre non mi ritengo responsabile per eventuali danni o perdita di dati verificatisi a causa delle operazioni descritte qui o in qualsiasi altra pagina del sito. L'unico responsabile sei tu che non hai fatto un backup e non ti sei informato abbastanza, fidandoti del primo venuto. 

About 

Da quando avevo 8 anni ho sempre giocherellato con qualcosa anche solo vagamente simile a un computer. Attualmente faccio il system administrator su sistemi Windows/Mac/Linux/Qualsiasi, ma in passato ho lavorato anche come illustratore, musicista, webdesigner e pubblicista, e mi sono divertito abbastanza, direi. Ciò non toglie che non svolga queste attività anche ora, solo che dalle 9 alle 18, faccio il system administrator. Tutto qui.

    Find more about me on:
  • facebook
  • googleplus
  • linkedin
  • twitter

Pin It on Pinterest

Condividi!

Dillo in giro