Non è un dispositivo appena uscito (su Youtube c’è un video datato 2011 che già ne parla), ma visto che me lo sono fatto regalare di recente, allora voglio dedicargli qualche parola.

Già il fatto che Jabra tenga ancora in catalogo un apparecchio uscito oltre 3 anni fa, fa comprendere la qualità stessa del dispositivo: non c’è bisogno di farne uscire uno nuovo perchè quello che c’è funziona alla grande.

Il Cruiser 2 è un semplice vivavoce con tecnologia Bluetooth, pensato principalmente per le auto (ma nulla vieta di usarlo a casa o dovunque vogliate), dotato di doppio microfono per la cancellazione del rumore di fondo, un potente altoparlante, i pulsanti di controllo (volume, presa/rilascio chiamata e muto) e della comoda funzione aggiuntiva di trasmettitore FM.

Sul retro del dispositivo si trova una clip in metallo molto resistente, che serve per agganciarlo al parasole, posizione decisamente consigliata per l’uso in automobile.

Prima di accenderlo e testarlo, consiglio di tenerlo in carica almeno finchè la spia di ricarica diventa verde; quando è completamente carico, la prima operazione da eseguire è l’aggiornamento del software di sistema, in modo da aggiungere subito la lingua Italiana. Infatti, il Jabra Cruiser 2 è molto semplice da configurare ed usare perchè tutte le operazioni di configurazione vengono spiegate dall’apparecchio stesso, grazie ad una simpatica (ma alquanto meccanica) voce guida disponibile in molte lingue, Italiano compreso.

Dal sito di supporto, qui, bisogna scaricare il firmware UK,RU,PL,IT (rilasciato il 19/11/2013) ed installarlo, utilizzando un PC con Windows. Purtroppo non è possibile aggiornare il dispositivo con Mac OS X o Linux, a meno che non usiate una soluzione di virtualizzazione come VMWare, Parallels, XEN o simili. Se non avete idea di cosa abbia appena detto, andate da un vostro amico che usa Windows e fate questa operazione a casa sua 🙂 . Una volta aggiornato il firmware del Cruiser 2, seguire le istruzioni presenti nel manuale (pagina 11) per impostare la lingua italiana.

Detto ciò, passiamo alla prova su strada (in tutti i sensi).

 

Primo utilizzo

Il Cruiser 2 è pensato per l’uso in auto: la clip per l’aggancio al parasole funziona molto bene, e offre una presa solida e senza rischi di sgancio improvviso. Se volete usarlo anche fuori dall’auto, la clip non è molto fastidiosa e, comunque, con un pò di lavoro si riesce a sganciare dal dispositivo (cosa che sconsiglio, perchè c’è il rischio di deformarla o di rompere/graffiare l’apparecchio).

Una volta posizionato, il Cruiser 2 si accende dall’interruttore a scorrimento posto sul lato destro: se non vengono trovati dispositivi Bluetooth già accoppiati, il Cruiser suggerisce di accendere il Bluetooth del proprio smartphone e di aggiungere il dispositivo. Una volta effettuata questa operazione, il Cruiser scarica la rubrica del telefono nella sua memoria, in modo da poter annunciare il chiamante usando il nome e il cognome presente in rubrica. Questa possibilità dipende dallo smartphone, che deve offrire il trasferimento completo della rubrica e di tutti i dati. In assenza di questo requisito, il Cruiser si limiterà a annunciare la chiamata scandendo il numero telefonico.

Quando lo smartphone è accoppiato, potete usare i tasti del Cruiser 2 per controllare le chiamate entranti e uscenti: il tasto centrale con l’icona del telefono serve per accettare la chiamata in arrivo o per chiudere una chiamata in corso; premendo due volte, viene richiamato l’ultimo numero del registro chiamate. I due tasti a sinistra e a destra regolano il volume e, appena sotto, c’è il tasto muto.

 

Trasmissione FM ed altro

Il Jabra Cruiser 2 non trasmette solo l’audio delle telefonate, ma tutti i suoni emessi dal vostro smartphone; quindi, potete ascoltare anche la vostra musica tramite il dispositivo.

Vista questa possibilità, vale la pena utilizzare l’impianto dell’auto al posto dell’altoparlante del Cruiser 2: vi basta premere il tasto FM posto sul lato destro del dispositivo, accanto all’interruttore di accensione.

La simpatica vocina vi annuncia quindi su quale frequenza sta trasmettendo (solitamente, inizia con 88,1 MHz), e voi non dovrete far altro che sintonizzare la vostra autoradio sulla frequenza che vi è stata annunciata. I tasti del volume cambiano la frequenza di trasmissione a intervalli di 0,2 Mhz, quindi da 88,1 si passerà a 88,3, 88,5 e così via. Occorrono un pò di tentativi per trovare una frequenza  sufficientemente libera da interferenze. Personalmente, ho tolto l’antenna dell’autoradio in modo da avere una ricezione peggiore delle frequenze radio; in questo modo riesco a “favorire” il trasmettitore del Cruiser 2.

Una piccola nota: usando questa opzione, è possibile che altri automobilisti possano sintonizzarsi sulla stessa frequenza di trasmissione del vostro Cruiser 2 e che quindi ascoltino la vostra musica o, peggio, le vostre telefonate. In movimento questo non avviene, ma può accadere quando si è fermi al semaforo. Quindi, siete stati avvisati.

E’ possibile accoppiare più dispositivi Bluetooth e utilizzarne fino a due insieme, per esempio uno smartphone e un tablet dal quale fare streaming della musica. Ovviamente, durante una chiamata, l’altro dispositivo verrà temporaneamente disattivato, e tornerà a collegarsi solo dopo aver terminato la chiamata.

La batteria integrata ha un’ottima autonomia, intorno alle 13 ore di conversazione senza dover ricaricare; se il Cruiser 2 viene usato anche per lo streaming musicale con trasmissione FM, l’autonomia diminuisce notevolmente, ma è anche ovvio. Quando la carica è quasi al termine, la solita vocina robotica vi avvertirà e si accenderà anche una spia rossa. Il caricabatteria da auto è incluso nella confezione, e lo standard usato è l’ormai diffusissimo Micro USB, standard quasi universale per tutti gli smartphone (a parte l’iPhone).

 

Per finire

La qualità del dispositivo è notevole, sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vista dei materiali e dell’assemblaggio. E’ molto leggero, ma non da l’impressione di essere fragile. La qualità dell’altoparlante è buona, ma sono completamente assenti i toni bassi e vengono invece enfatizzati i toni medi e alti; è una scelta progettuale più che un difetto, in quanto le frequenze della voce sono, appunto, quelle medie, e quindi si è preferito rendere queste frequenze più forti e chiare possibile a discapito delle altre. Quando viene usata la trasmissione FM, questo difetto sparisce. Occorre effettuare qualche regolazione al proprio impianto per ottenere un risultato accettabile in termini di suono, e non aspettatevi un audio cristallino e senza incertezze: stiamo parlando di una doppia trasmissione (Bluetooth e poi FM) che, inevitabilmente, altera il suono originale e comprime alcune gamme di frequenze (soprattutto le alte e le basse). Il risultato finale è comunque apprezzabile, anche in virtù del costo di circa 55 Euro (su Amazon).

Personalmente, sono molto soddisfatto, e non posso far altro che consigliarlo. 🙂

In breve
Data
Oggetto
Jabra Cruiser 2
Giudizio
41star1star1star1stargray

About 

Da quando avevo 8 anni ho sempre giocherellato con qualcosa anche solo vagamente simile a un computer. Attualmente faccio il system administrator su sistemi Windows/Mac/Linux/Qualsiasi, ma in passato ho lavorato anche come illustratore, musicista, webdesigner e pubblicista, e mi sono divertito abbastanza, direi. Ciò non toglie che non svolga queste attività anche ora, solo che dalle 9 alle 18, faccio il system administrator. Tutto qui.

    Find more about me on:
  • facebook
  • googleplus
  • linkedin
  • twitter

Pin It on Pinterest

Condividi!

Dillo in giro