…ed ora la vedo: 9 Settembre 2014, allo Yerba Buena Center for the Arts di San Francisco, ore 19 italiane. Vado a comprare un biglietto subito. Ironia a parte, non mi dispiacerebbe affatto partecipare ad una presentazione Apple, in quanto immagino che sia un evento assolutamente ben organizzato e spettacolare. A dire il vero, ho partecipato a parecchie presentazioni Apple in Italia, e devo ammettere che l’organizzazione era molto buona ma, ovviamente, non si trattava della presentazione dell’iPhone 6 (cito un prodotto a casaccio) decantato dal CEO Tim Cook  (nomino un personaggio a vanvera). Il massimo che ho potuto gustare dal vivo è stata una divertente gag di due product manager che parlavano del nuovo GarageBand (nuovo ai tempi, visto che era la versione 2, o 3).

Ma passiamo ai fatti: il nuovo iPhone 6, si vocifera in giro, avrà finalmente uno schermo decente e un chip NFC. Fine della storia, perchè a meno che in Apple non abbiano davvero inventato qualcos’altro, sono queste le caratteristiche salienti del nuovo fenomenale smartphone di Cupertino.

Ironia a parte (e siamo a due), una schermo da 4,7 pollici e un chip NFC sono caratteristiche che possiede anche un banale Galaxy S3 (annata 2012, un buon raccolto). Ok, ma il nuovo iPhone avrà un processore A8 Dual Core o Quad Core (Azz!) con velocità di 2,0 GHz (Urca!), e forse la fotocamera sarà a 13 Megapixel (Caspita!) e… in finale, chissenefrega delle caratteristiche tecniche: è assodato che, tecnicamente parlando, l’iPhone è indietro di almeno un anno rispetto a qualsiasi altro smartphone, e che la vera differenza viene stabilita dal software (iOS) e non dall’hardware. Inoltre, battaglioni interi di fedelissimi adepti Apple sono ormai talmente abituati a considerare l’iPhone come “lo Smartphone” che hanno perso qualsiasi barlume di obiettività, tanto da non rendersi conto che le “novità” presentate negli ultimi anni (tranne rare eccezioni) sono tutto, fuorchè novità.

Quindi, in sostanza, cosa aspettarsi da questo nuovo iPhone, a parte le dimensioni dello schermo maggiorate (4,7 e 5,5 pollici) e un chip NFC? Sotto questo punto di vista, il Galaxy S5 è un passo avanti: anche se il rilevatore di battito cardiaco non è una caratteristica irrinunciabile, il fatto che sia impermeabile (certificazione IP67) è un vantaggio mica da ridere. Anche la possibilità di girare video con risoluzione 4K è una buona cosa, visto che i display degli smartphone si stanno velocemente spostando verso questa risoluzione e i televisori 4K stanno raggiungendo prezzi umani.

Ma poi? Che altre novità incredibili potremmo aspettarci da uno smartphone? Per esempio, l’idea di Google con Project ARA è decisamente rivoluzionaria, tanto per dire: lo scopo ultimo è di creare smartphone modulari, dove l’utente decide quali componenti utilizzare ed infine si crea il suo personalissimo dispositivo. L’ho detto in parole povere e sicuramente non ho reso abbastanza bene la portata di questa intuizione, ma il succo è più o meno questo. Ecco, questa è un’idea rivoluzionaria.

Sinceramente, non ho proprio idea di cosa Apple possa nascondere di così rivoluzionario, se esiste, e mi auguro davvero che ci sia qualcosa in più di un display e di un chip da 2 dollari.

Ovviamente, considerando il livello medio di follia dei fan Apple (la parola “fan”, ricordo, è un’abbreviazione di “fanatico”, e il fanatismo non è una caratteristica propriamente positiva), qualsiasi cosa venga presentata, sarà OVVIAMENTE fantastica et mirabolante, a prescindere.

De gustibus…

In breve
Evento
Presentazione iPhone 6
Luogo
Yerba Buena Center for the Arts,
Inizia il
09/09/2014
Finisce il
09/09/2014

About 

Da quando avevo 8 anni ho sempre giocherellato con qualcosa anche solo vagamente simile a un computer. Attualmente faccio il system administrator su sistemi Windows/Mac/Linux/Qualsiasi, ma in passato ho lavorato anche come illustratore, musicista, webdesigner e pubblicista, e mi sono divertito abbastanza, direi. Ciò non toglie che non svolga queste attività anche ora, solo che dalle 9 alle 18, faccio il system administrator. Tutto qui.

    Find more about me on:
  • facebook
  • googleplus
  • linkedin
  • twitter

Pin It on Pinterest

Condividi!

Dillo in giro