La notizia gira da diverse ore in Rete, riportata da tantissimi siti (Repubblica, Punto Informatico, Corriere e, secondo me quello più completo,  TG1) ed è più importante e grave di quanto si pensi.

Il fatto è questo: il provider olandese CyberBunker, famoso per aver ospitato anche il tracker di Pirate Bay, è finito nella “lista nera” di SpamHaus, uno dei più importanti osservatori al mondo per quanto riguarda lo spam e il phishing, ovvero la posta indesiderata. A segnalarlo è stata CloudFlare, una società che si occupa di distribuzione di contenuti digitali e di sicurezza.

Il problema è che da quando SpamHaus ha dichiarato di aver inserito moltissimi siti ospitati da CyberBunker in black list, di colpo il traffico dati è aumentato a dismisura proprio verso i server di SpamHaus: si parla di oltre 300 miliardi di bit al secondo. Se non ho sbagliato i calcoli, sono 34 Gigabyte al secondo: vuol dire che se la vostra connessione Internet fosse così veloce, potreste scaricare due film in Blu-Ray in 1 secondo, o giù di li. Questa enorme mole di dati genera un attacco che si chiama DDoS, ovvero Distributed Denial of Service (la spiegazione è davvero interessante, leggetela su Wikipedia).

In sostanza, dai server di CyberBunker, gli spammer starebbero comandando il loro esercito di computer (o meglio, la loro botnet di zombie: è scritto tutto su Wikipedia, davvero, leggetela!) e stanno bombardando di dati i server di SpamHaus e di mezzo mondo.

Se i server vengono sovraccaricati, ovviamente cominciano a non funzionare, e man mano che “crollano” sotto il peso dei dati, portano con loro altri server, scatenando un pericoloso effetto domino che, in poco tempo, potrebbe coinvolgere l’intera rete Internet.

Niente Internet vuol dire niente posta, niente YouTube, niente Skype, niente Ruzzle (drogati!), niente on-line banking, niente blog, niente informazione. Ecco, vuol dire proprio NIENTE.

E’ ormai evidente come informazioni di questo tipo debbano essere condivise anche con il pubblico “non tecnico”: l’informatica è entrata a far parte della vita di tutti, e non solo dei nerd e dei geek, e anche chi non è del settore dovrebbe possedere una minima base di conoscenze per poter capire i meccanismi fondamentali della tecnologia. Un pò come i rudimenti di meccanica che insegnano a scuola guida.

Comunque, ormai l’attacco è lanciato e non ci resta che sperare che l’infrastruttura regga: Internet non si può spegnere e riavviare come un computer, quindi restate calmi e Niente Panico!

UPDATE:

Come mi fa giustamente notare un lettore, Internet sta reggendo egregiamente a questo attacco, e i titoloni che si leggono (compreso il mio) sono un tantino esagerati. Anche sul blog di Paolo Attivissimo, a questo link, si fa presente che probabilmente la notizia è montata ad arte per far emergere la bontà di un servizio (CloudFlare) in caso di attacchi DDoS. Lo scopo del mio articolo non era certo far pubblicità a CloudFlare o a qualcun’altro; quello che mi piace fare è cercare di diffondere un pochino la cultura informatica, troppo spesso sottovalutata o persino ignorata (come si legge, appunto, nelle frasi conclusive del post) e se devo essere sincero, penso che un “titolone apocalittico” possa far smuovere qualche pigrone e costringerlo a informarsi un pò. That’s it.

About 

Da quando avevo 8 anni ho sempre giocherellato con qualcosa anche solo vagamente simile a un computer. Attualmente faccio il system administrator su sistemi Windows/Mac/Linux/Qualsiasi, ma in passato ho lavorato anche come illustratore, musicista, webdesigner e pubblicista, e mi sono divertito abbastanza, direi. Ciò non toglie che non svolga queste attività anche ora, solo che dalle 9 alle 18, faccio il system administrator. Tutto qui.

    Find more about me on:
  • facebook
  • googleplus
  • linkedin
  • twitter

Pin It on Pinterest

Condividi!

Dillo in giro