Tempo di lettura: 3 minuti

Questo servizio mi è decisamente sfuggito: IFTTT è una sigla apparentemente impronunciabile che sta per “If this, then that“, ovvero “Se succede questo, allora fai quest’altro“.

In sostanza è un servizio, ancora in beta e gratuito, che permette di far interagire e comunicare quasi tutto quello che usiamo ogni giorno, dalla posta di Gmail ai tweet di Twitter, passando per Evernote, Facebook, Instagram, DropBox, FourSquare, LinkedIn…

Il bello di tutto questo è l’automazione: una volta impostata una Azione-Reazione, la si lascia lavorare per noi finchè vogliamo. Se ne possono creare diverse (credo una decina) e vengono eseguite ogni 15 minuti, tranne alcune che scattano non appena un evento si verifica (si riconoscono perchè portano il simbolo del fulmine).

Con un esempio è più semplice comprendere il tutto:”Se il meteo di Roma segnala pioggia, allora mandami una mail con scritto Ombrello!” oppure “Se qualcuno tagga una foto su Facebook con il mio nome, allora copia quella foto nel mio DropBox” e via di questo passo.

In IFTTT si possono creare le Recipes (Ricette) che eseguono tutte le azioni che vogliamo; le Recipes sono formate dai Triggers (gli eventi scatenanti) ai quali seguono le Actions (le azioni di risposta). I Triggers posseggono degli Ingredients (ingredienti) che sono i diversi elementi che compongono l’azione scatenante (per esempio, il titolo di un articolo su WordPress oppure la sua data di pubblicazione sono entrambi Ingredients). Attualmente ci sono 51 Channels (Canali) che corrispondono a servizi di tutti i tipi. Le Recipes possono essere private o condivise, e ci sono migliaia e migliaia di ricette già pronte all’uso.

Le possibilità di interazione sono davvero sconfinate e si possono creare azioni davvero interessanti che facilitano la nostra vita digitale; si può fare in modo che qualunque e-mail che arrivi nella vostra Gmail che provenga dalla vostra banca o che contenga delle parole chiave specifiche (per esempio il vostro numero di conto o le ultime cifre della carta di credito) venga automaticamente copiata in una nota di Evernote e taggata come “Acquisti on-line”. E magari, ogni volta che aggiungete una foto ad un album di Facebook, parta in automatico un tweet che avverta tutti i vostri followers.

La fantasia, come al solito, è l’unico vero limite.

 

Creazione di una semplice Recipe

La creazione di un Recipe è un processo guidato che si compone di appena 7 passaggi; il processo è a senso unico e per prima cosa si sceglie un Channel che deve scatenare un Trigger (If this…), per esempio un feed RSS. Nel secondo passaggio, si sceglie un’azione legata al Channel, in questo caso New Feed Item ci consente di inserire il link di un feed RSS da tenere sempre sotto controllo.

Nel terzo passo inseriamo il link al feed RSS del qui presente sito (http://www.meksone.com/feed) e passiamo al quarto step, ovvero la parte “…the that”, cliccando su “that”. Scegliamo un altro Channel, che rappresenta l’Action da eseguire, in questo caso Gmail. Nel quinto passaggio, scegliendo Gmail, l’unica azione possibile è quella di spedire una mail, quindi scegliamola.

Il sesto passaggio è già parzialmente completo: ovviamente, bisogna specificare a quale indirizzo spedire la mail che riassumerà il contenuto del feed ogni volta che viene aggiornato. Si possono personalizzare tutti i campi proposti (Subject, Body ecc…) con gli Ingredients che si vedono sul lato destro; gli Ingredients sono gli elementi del Trigger (l’azione scatenante) che si possono prelevare e inserire nella Action. Potremmo, per esempio, volere una mail che indichi solamente il titolo del nuovo articolo pubblicato via feed RSS, quindi potremmo lasciare solo EntryTitle nel subject e cancellare tutti gli altri Ingredients nel corpo della mail.

Cliccando su Create Action, ovviamente, la Recipe viene salvata e attivata.

About 

Da quando avevo 8 anni ho sempre giocherellato con qualcosa anche solo vagamente simile a un computer. Attualmente faccio il system administrator su sistemi Windows/Mac/Linux/Qualsiasi, ma in passato ho lavorato anche come illustratore, musicista, webdesigner e pubblicista, e mi sono divertito abbastanza, direi. Ciò non toglie che non svolga queste attività anche ora, solo che dalle 9 alle 18, faccio il system administrator. Tutto qui.

    Find more about me on:
  • facebook
  • googleplus
  • linkedin
  • twitter

Pin It on Pinterest

Condividi!

Dillo in giro