Tempo di lettura: 2 minuti

Ad Aprile di due anni fa pubblicavo una comparativa dei servizi di Cloud Storage, dove si evidenziava che, nonostante non in termini assoluti, Google Drive costava un pò meno dei suoi concorrenti diretti, ovvero Microsoft SkyDrive (ora OneDrive), Box.net, DropBox e SugarSync.

Ora la situazione è nettamente diversa, e dove prima si poteva “giocare” anche su altri fattori (l’integrazione con i dispositivi mobili, la semplicità d’uso, le funzioni aggiuntive…) adesso c’è poco da discutere: Google Drive costa meno di tutti i suoi concorrenti.

Andiamo per gradi, e iniziamo subito con una bella tabellina, anzi due:

Ecco la situazione nel 2012

Google DriveDropBoxSugarSyncBox.netMicrosoft SkyDrive
8 GB di posta, 5 GB Drive, 1 GB Picasa, Google + e YouTube spazio illimitato (rispettando i limiti imposti alle dimensioni delle foto e dei video)2 GB, espandibile gratis fino a 18 GB invitando amici ad iscriversi (500 MB a persona)5 GB, espandibile fino a 32 GB invitando amici ad iscriversi (500 MB ad utente)5 GB7 GB per i nuovi account, ma per chi era già iscritto ai servizi Live, 25 GB
GratisGratisGratisGratisGratis
100 GB per Drive e Picasa, e come bonus anche Gmail passa a 25 GB.50 GB60 GB25 GB50 GB (da aggiungere ai 7 o ai 25 di base)
4,99 $/mese = 59,88 $/anno (45 Euro scarsi)99 $/anno (circa 75 Euro)99,99 $/anno (circa 75 Euro)119,88 $/anno (circa 90 Euro)19 Euro/anno

Ed eccola situazione attuale

Google DriveDropBoxSugarSyncBox.netMicrosoft SkyDrive
15 GB complessivi, utilizzabili per tutti i servizi Google come GMail, Drive, Foto. Le foto con risoluzione inferiore a 2048x2048 pixel e i video con durata inferiore ai 15 minuti non vengono conteggiati.Situazione immutata dal 2012: 2 GB, espandibile gratis fino a 18 GB invitando amici ad iscriversi (500 MB a persona)SugarSync non prevede più un account gratuito; anche i vecchi account gratuiti sono stati chiusi e l'unico modo per preservare i dati è quello di sottoscrivere il piano base di 60 GB a 74,99 $/anno.Box.net ha ampliato la capacità dell'account gratuito a 10 GB; rispetto agli account a pagamento ci sono diversi limiti e mancano molte funzionalità.Situazione immutata dal 2012: 7 GB per i nuovi account. L'upgrade a 25 GB era una promozione e adesso non è più attiva.
GratisGratis60 GB a 74,99 $/anno (circa 53 Euro)GratisGratis
100 GB, utilizzabili per tutti i servizi Google 100 GB 100 GB100 GB100 GB (da aggiungere ai 7 o ai 25 di base)
1,99 $/mese = 23,88 $/anno (circa 17 Euro)99 $/anno (circa 71 Euro); lo stesso abbonamento costava 199 $/anno (circa 150 Euro) nel 2012.99 $/anno (circa 71 Euro); lo stesso abbonamento costava 149,99 $/anno (circa 113 Euro) nel 2012.4 Euro/mese = 48 Euro/anno con l'abbonamento Starter, che non comprende tutte le funzionalità avanzate. Nel 2012, l'abbonamento da 50 GB costava 239,88 $/anno (181 Euro)37 Euro/anno Prezzi e caratteristiche immutate dal 2012. Ma c'è la novità di Office 365...

Come risulta evidente, Google risulta vincitore assoluto in termini di prezzo: il sempre economico OneDrive a 37 Euro l’anno è stato battuto dai 17 Euro l’anno di Google.

Sul fronte funzionalità, semplicità d’uso e integrazione con altri servizi il discorso potrebbe diventare eccessivamente lungo e articolato, ma, utilizzando il famoso “indice spannometrico” altrimenti conosciuto come l’indice “a sensazione”, Google Drive offre moltissime funzioni, un ambiente fortemente integrato con tutti gli altri servizi Google, offre possibilità di espansione (apps e script per utenti privati e business) e un’interfaccia magari non bellissima, ma perlomeno omogenea.

Se posso essere così presuntuoso da citare me stesso (si, lo sono!), due anni fa scrivevo:

Ora, immaginate di voler mandare una mail con una foto, o di continuare a scrivere quel racconto che stavate inventando qualche ora prima a casa, dal vostro Tablet. Se questi file sono in Google Drive, tutto questo diventa possibile da qualsiasi dispositivo collegato ad Internet. (…) Ancora non siamo a questo punto, c’è del lavoro da fare, ma considerando che Google è abbastanza veloce nel fare le modifiche, soprattutto se queste sono molto sentite dagli utenti… direi che c’è solo da aspettare fiduciosi.

La situazione si è evoluta esattamente come avevo immaginato, ma non perchè io sia un veggente: era assolutamente evidente che la strada era già tracciata in questa direzione, si trattava solo di guardare più in là del proprio monitor.

Anche Microsoft ha puntato la sua nave su questa rotta, integrando il suo prodotto più celebre, Office, con OneDrive e cercando di creare un ambiente unico dove gli utenti possano creare e condividere documenti, video, foto e musica. Infatti, al costo di 99 Euro l’anno si ottiene la suite Office, ripensata e adattata per girare “in cloud”, utilizzabile su 5 computer e 5 dispositivi mobili differenti, con 20 GB di spazio per utente.

Carino ma… qualsiasi utente Google ottiene le stesse cose senza sborsare un Euro, visto che Drive, Foto, YouTube, Gmail e tutto il resto sono gratuiti. Ah, e non cito nemmeno le possibilità di acquisto di film, musica e libri del Play Store, che hanno come unici competitor Apple e Amazon.

Fatevi la vostra idea, la mia è piuttosto evidente 😉

 

 

In breve
Google Drive abbassa i prezzi
Titolo
Google Drive abbassa i prezzi
Descrizione
Ad Aprile di due anni fa pubblicavo una comparativa dei servizi di Cloud Storage, dove si evidenziava che, nonostante non in termini assoluti, Google Drive costava un pò meno dei suoi concorrenti diretti, ovvero Microsoft SkyDrive (ora OneDrive), Box.net, DropBox e SugarSync. Ma ora la situazione è nettamente diversa...
Autore

About 

Da quando avevo 8 anni ho sempre giocherellato con qualcosa anche solo vagamente simile a un computer. Attualmente faccio il system administrator su sistemi Windows/Mac/Linux/Qualsiasi, ma in passato ho lavorato anche come illustratore, musicista, webdesigner e pubblicista, e mi sono divertito abbastanza, direi. Ciò non toglie che non svolga queste attività anche ora, solo che dalle 9 alle 18, faccio il system administrator. Tutto qui.

    Find more about me on:
  • facebook
  • googleplus
  • linkedin
  • twitter

Pin It on Pinterest

Condividi!

Dillo in giro