Google lancia Inbox, la rivoluzione della posta elettronica

Google lancia Inbox, la rivoluzione della posta elettronica

Tempo di lettura: 1 minuto

E’ iniziata la caccia agli inviti, perchè la novità che Google ha presentato è (per ora) solo su invito. Come successe il primo Aprile del 2004, quando Google diede uno scossone al mondo fin troppo statico della posta elettronica presentando Gmail, anche la nuova Inbox è riservata solo ai pochi fortunati che hanno ricevuto un invito.

In poche parole, Inbox è un’applicazione che si prefigge lo scopo di rendere la posta elettronica il centro delle proprie attività, automatizzando una grande quantità di azioni, raggruppando automaticamente i messaggi simili, filtrando ciò che ha priorità da ciò che può essere rimandato.

Per chi già utilizza Google Now (sia su Android che su iOS), il concetto non è del tutto nuovo. Il sito http://www.google.com/inbox/ spiega, in poche parole (e tante immagini), le potenzialità dell’applicazione. (altro…)

Babbo Natale secondo Google

Babbo Natale secondo Google

Tempo di lettura: 1 minuto

Anche quest’anno è possibile seguire il viaggio di Babbo Natale in diretta, dal sito Google Santa Tracker e con l’applicazione per Android.

Che siate ferventi sostenitori delle festività Natalizie o meno, il sito e l’applicazione Android sono davvero divertenti e ben fatte, e sono infarcite di giochi e video divertenti. Se pensate che il tutto sia adatto solo ai bambini più piccoli,  vi consiglio allora di fare una partita a Santa Maps Dive, qui: io mezz’oretta ce l’ho spesa volentieri.

Buone feste!

Il testamento digitale secondo Google

Il testamento digitale secondo Google

Tempo di lettura: 2 minuti

Anche se la parola “testamento” non viene nominata, esiste una funzione specifica che vi consente di stabilire cosa succede al vostro account Google nel caso in cui non venga utilizzato per un certo periodo di tempo.

Il vostro account Google contiene moltissime informazioni, e molto probabilmente alcuni di voi non hanno nemmeno idea di quante siano.

Se usate spesso Google Maps o Latitude, oppure Google+ o Picasa, potreste rimanere sorpresi nell’apprendere quante informazioni vengono immagazzinate nel vostro account; la cronologia delle posizioni ( https://maps.google.com/locationhistory/b/0/ ), la cronologia web ( https://history.google.com/history/ ), le foto ( https://plus.google.com/u/0/photos ), senza contare ovviamente i messaggi di Gmail e Hangout, i documenti e i files in Google Docs, il calendario, i video di YouTube. Potete iniziare ad esplorare il vostro account da questo link, ma sarà un viaggio luuuuungo…

Detto ciò, torniamo all’argomento principale: che fine fanno questi dati quando non siamo più nel mondo dei vivi (grattata generale dove volete) ?

(altro…)

Allegati troppo pesanti, ma in Gmail c’è un trucco

Allegati troppo pesanti, ma in Gmail c’è un trucco

Tempo di lettura: 2 minuti

Aggiornamento! Nuove info a fondo articolo!

Quanti di voi hanno la pessima abitudine di tenere qualsasi cosa nella propria casella di posta e di non cancellare nulla?

E quanti di voi hanno l’altra pessima abitudine di usare la posta elettronica come se fosse un archivio di documenti?

Quando Google lanciò Gmail nel 2004 con il suo stratosferico Gigabyte di spazio, nessuno (tranne Google) avrebbe immaginato che le e-mail delle persone diventassero così ingombranti. Ecco perchè poi, senza sosta, Google ha continuato ad espandere la capacità di Gmail.

Se l’e-mail viene usata costantemente, soprattutto per lavoro, non è raro trovarsi a corto di spazio,e quando lo spazio finisce, non si ricevono più e-mail.

In questi ultimi giorni stavo affrontando il problema (non per me, ma per alcuni clienti: i miei ultimi 8 anni di e-mail occupano solo 2,6 GB) e, facendo prove alla c***o™, ho trovato una funzione non documentata in nessuna guida ufficiale, che mi ha semplificato il lavoro, e molto.

(altro…)

Ultimo update di il .

Pin It on Pinterest