Tempo di lettura: 3 minuti

Qualche tempo fa, feci la conoscenza dell’ottimo progetto AOKP ma scoprii, con dispiacere, che non era supportato il mio semplice, comunissimo, Samsung Galaxy S2. Però vabbè, ero comunque felice perchè il mio Galaxy Tab ha ripreso a funzionare a pieno regime. A onor del vero, ho seguito il progetto AOKP  nella declinazione portata avanti da Stimpz0r che si è concentrato su una mancanza della AOKP, ovvero il supporto al Galaxy Tab 7 GSM. Ma questa è un’altra faccenda.

Quindi, seguo AOKP da un pò, ma solo da una settimana mi sono accorto che il Galaxy S2 Europeo è stato aggiunto alla lista dei dispositivi compatibili. E allora ho lanciato via lontanissimo la mia SuperNexus (ottima, ma forse un pò troppo standard per i miei gusti) e sono passato a questa AOKP, che comunque eredita i pregi di Cyanogen e ne aggiunge altri, tutti sotto il segno dell’unicorno (chissà perchè questi ragazzi hanno questa mania…).

Le numerose caratteristiche presenti in AOKP le conosco abbastanza bene, visto che il tablet viaggia con questa ROM da diverso tempo; quello che salta subito all’occhio di questa release per Galaxy S2 è che è basata su JellyBean  (Android 4.1) e quindi è caratterizzata da una fluidità incredibile, di Google Now (che io adoro) e di una buona durata della batteria (col tablet arrivo tranquillo a fine giornata, con oltre il 30% della carica, nonostante le mie pause di gioco con Game Dev Story e Dungeon Village).

Troviamo poi:

  • la possibilità di overclocking e underclocking del processore: la prima volta a migliorare le prestazioni a discapito della batteria, la seconda l’esatto opposto, con opzioni relative anche al voltaggio dello stesso (per ulteriori aggiustamenti);
  • la personalizzazione dettagliata dell’interfaccia, della barra di notifica, del lockscreen, delle icone di navigazione a schermo (al posto dei pulsanti capacitivi, che si possono anche disabilitare);
  • la modifica dello stile dell’indicatore della batteria: è presente la celebre CircleMod, comoda e utile, che mostra la percentuale di carica in formato numerico e grafico tramite un’icona circolare. Sembra una cavolata ma è utilissima;
  • la possibilita di installare nuovi temi per spingere la personalizzazione verso nuovi confini;
  • switch per tutti i gusti, per avere accesso alle funzioni importanti direttamente dalla barra superiore di notifica;
  • per dirne un’altra, potete creare dei “ritmi” di vibrazioni personalizzate da usare per notificare gli eventi come SMS, chiamate, notifiche di calendario e così via (fichissimo!).
Sul sito, in inglese, trovate altre informazioni e i link per il download.

Insomma, è una ROM pensata “a la Apple”, ma al contrario: dove la Mela propone un solo modo di vedere e utilizzare le cose e riesce a convincere tutti che ha ragione lei (miracoloso), il team AOKP propone almeno 2 alternative per la stessa funzione o aspetto grafico: una delle due, sicuramente, è quella che fa per voi. Si tratta di impiegare 10 minuti del vostro tempo alla scoperta del fantastico menu “ROM Control”: imparerete qualcosa di più sul vostro dispositivo e troverete sicuramente qualcosa che non sapevate nemmeno di avere.

Questa, a mio avviso, è la chiave di lettura di Android: abbiamo dei veri e propri supercomputer in tasca, ed è un delitto non utilizzarli al meglio solo perchè qualcuno ha deciso che non è necessario il controllo totale sul proprio smartphone o tablet. Certo, se non è questo ciò che cercate, il mondo là fuori è pieno di iPhone.

Dimenticavo: insieme alla Build 5 di AOKP è uscito anche Kangerator, un’appplicazione disponibile nel Google Play Store che vi segnala le nuove versioni di AOKP e vi propone l’update in automatico.

Le istruzioni per il flashing della ROM le trovate nelle FAQ sul sito, ma non si discostano dalle solite procedure: se avete già una ROM basata su JellyBean, potete fare un semplice backup di applicazioni e dati con Titanium Backup per sicurezza, quindi un reboot in Recovery, un flash della ROM seguito da quello delle Google Apps e dovrebbe andare tutto liscio.

Il wipe non è obbligatorio ma è altamente consigliato; diviene obbligatorio quando provenite da ICS o GingerBread, oppure da una qualsiasi Stock ROM (il sistema di fabbrica).

Valgono sempre le raccomandazioni generali: eseguite un backup di dati e applicazioni (non nomino la cartella EFS, ma dovreste averne una copia da qualche parte!), aggiornare la ClockworkMod e dovreste essere a posto.

Buon flashing!

About 

Da quando avevo 8 anni ho sempre giocherellato con qualcosa anche solo vagamente simile a un computer. Attualmente faccio il system administrator su sistemi Windows/Mac/Linux/Qualsiasi, ma in passato ho lavorato anche come illustratore, musicista, webdesigner e pubblicista, e mi sono divertito abbastanza, direi. Ciò non toglie che non svolga queste attività anche ora, solo che dalle 9 alle 18, faccio il system administrator. Tutto qui.

    Find more about me on:
  • facebook
  • googleplus
  • linkedin
  • twitter

Pin It on Pinterest

Condividi!

Dillo in giro